Parola d’ ordine : riciclo

L’ avrete capito che sono una fan del riciclo. Personalizzare qualcosa che sennò andrebbe buttato trovo che sia un modo molto creativo di impiegare il proprio tempo libero, in pieno relax a casa propria.

Dopotutto si può davvero usare di tutto, dalla caffettiera vecchia alle persiane da buttare, passando dalla scrivania datata ai bancali ( e molto, molto altro ).

Oggi Vi mostrerò alcuni esempi a parer mio molto semplici da realizzare, e ogni settimana posterò tante altre idee realizzabili in assoluta autonomia.

Se anche voi avete idee da proporre scrivetemi, sarò lieta di pubblicarvi !!

tastiera letto alternativa ? eccola, bastano un po di libri vecchi ( e non ) ed è pronta !
tastiera letto alternativa ? eccola, bastano un po di libri vecchi ( e non ) ed è pronta !
lampadine, cassette vecchie della frutta e una porta possono rendere il vostro ambiente top !
lampadine, cassette vecchie della frutta e una porta possono rendere il vostro ambiente top !
persiane vecchie levigate per dargli un effetto totalmente retrò possono rivivere essendo protagoniste della camera da letto
persiane vecchie levigate per dargli un effetto totalmente retrò possono rivivere essendo protagoniste della camera da letto
scrivania da buttare ? mai ! può diventare un vaso gigante per il vostro giardino, basterà dargli una passata di pittura del colore che preferite !
scrivania da buttare ? mai ! può diventare un vaso gigante per il vostro giardino, basterà dargli una passata di pittura del colore che preferite !

Decorare le uova per Pasqua

La Pasqua si avvicina e cosa c’è di meglio che passare un po’ di tempo “creativo” con i nostri bambini ? Direi che è il  momento per dedicarsi alla decorazione delle uova ( vuote ) sennò si possono anche fare proprio nei giorni di festa sode quindi quando usate le uova in cucina magari prestate attenzione a non romperle ma conservatele per colorarle !

Per non romperle vi consiglio di fare cosi :

-un coltello con lama a punta
-uno stecchino, di quelli che si utilizzano per gli spiedini di carne
-una ciotola
-una siringa monouso

Servendosi del coltello, bisogna praticare due fori in corrispondenza delle estremità dell’uovo e con estrema delicatezza e, successivamente, passarci lo stecchino in modo che il tuorlo, rompendosi, esca con facilità.
A questo punto provvedete a soffiare aria all’interno dell’uovo servendovi della siringa, fatelo sopra una ciotola o un piatto fondo in quanto il contenuto uscirà.

Fatto ciò, lavate con cura i gusci e metteteli in forno per una decina di minuti a 160° in modo tale da farle asciugare più velocemente. Ora le nostre uova sono pronte per essere decorate!

La pittura delle uova è realizzata a mano, con dei colori acrilici oppure per i vostri piccoli, meglio la tempera lavabile.

Potete davvero sbizzarrirvi a scrivere o disegnare tutto ciò che vi passa per la testa, l’effetto sarà garantito se userete colori vividi e magari anche alternati !

Le uova Pokemon :-)
Le uova Pokemon 🙂

20130311170934

 

Candele profumate

Possono mancare le candele? Sono un dettaglio in grado di scaldare l’atmosfera di qualunque stanza e, se sono anche profumate, diffonderanno per la casa un piacevole profumo!

Per farle in casa procuratevi della cera, se volete prima fare delle prove generiche potete anche recuperare tutte le candele avanzate che avete in casa e unirle.

Scaldate quindi la cera fino a quando sarà diventata totalmente liquida: aggiungete quindi al composto alcune gocce di olio essenziale che preferite. Potete anche provare a creare la vostra fragranza, mescolando varie essenze.

Preparate quindi gli stampi o i bicchieri inserendo al loro centro gli stoppini che saranno stati precedentemente tagliati e incastrati in un ferma stoppino. Versate la cera ancora calda e con un occhio di riguardo allo stoppino che deve rimanere in posizione verticale. Aspettate quindi che la cera si raffreddi e poi mettetela nel frigo per farla solidificare del tutto.

Buon lavoro 😉

Mille ri-usi dei barattoli !

Non so voi ma io amo riutilizzare tutto quello che si può, ed oggi voglio proporvi qualche immagine di barattoli ( vetro e latta ) che ho trovato sul web e mi ha conquistata tanto che nei prossimi giorni mi metterò decisamente all’ opera !

Gessi profumati

In linea con lo stile shabby, ma quotatissimi anche per regali o bomboniere ci sono loro : i gessi profumati, ormai in commercio se ne trovano nelle più svariate forme ma vogliamo mettere la soddisfazione di fare qualcosa con le nostre mani ?  Se anche a voi l’ idea non dispiace di seguito vi spiegherò come fare :

Occorrente :

  • gesso in polvere
  • acqua
  • cucchiaio in legno
  • contenitore in plastica
  • colori acrilici
  • vernice protettiva
  • stampi nelle forme che vi piacciono
  • spray distaccante

Dopodiché vi basterà prendere gli stampi, acquistabili nei negozi di bricolage, spruzzarci su lo spray distaccante ( mi raccomando proteggete gli occhi ), poi mettiamo nel contenitore di plastica prima l’acqua (generalmente due parti di acqua e una di gesso) poi aggiungete piano piano il gesso, fino ad ottenere un impasto cremoso che mescolerete con un cucchiaio di legno, per far amalgamare il tutto senza grumi.L’impasto deve diventare corposo, non liquido.Ora possiamo passare alla profumazione, dalla vaniglia alla lavanda, quest’ultima anche sotto forma di olio essenziale.E’ ovvio che in base al profumo del prodotto naturale, ci regoliamo di conseguenza per quanto riguarda il quantitativo di gocce da aggiungere; infatti quelli molto intensi, ne richiedono circa la metà.Rimescolate e quando risulterà liscio e omogeneo versatelo negli stampini. Scuotete e date dei colpetti per evitare formazioni di bolle all’interno del gesso. Pulite con una spatola e un panno umido il gesso in eccesso e lasciamo asciugare. Consiglio di lasciar asciugare anche per tutta una notte o un’intera giornata.

Trascorso il tempo necessario, togliamo delicatamente il cuore ormai pronto dallo stampo. Per evitare che sporchi e lasci traccia, spennelliamolo con la vernice trasparente. Almeno sulla parte posteriore. In seguito se volete, potete anche colorarli con colori acrilici. Infine passate una mano di vernice protettiva.

Buon lavoro 🙂